887069281984531
top of page

KINTSUGI: l'ARTE DEI "COCCI" ROTTI.

Aggiornamento: 26 giu 2020

Con il nostro modo di vivere moderno e dispendioso, può essere difficile immaginare che l'imperfezione di qualcosa che è rotto possa aggiungere valore e bellezza alla nostra esistenza.Tuttavia, nell'antico artigianato giapponese delkintsugi (金 継 ぎ), le ceramiche rotte vengono rispettate, guarite ed evidenziate con oro o argento, aggiungendo un altro capitolo alla loro storia.

L'arte del kintsugi non sta solo assemblando pezzi di una storia spezzata, ma intreccia anche diverse filosofie giapponesi, tutte esaltando il valore unico dell'imperfezione.Kintsugi detiene il sentimento giapponese di mottainai (体 無 い), un'espressione che è direttamente collegata al concetto buddista di rimorso per le risorse sprecate e usate in modo improprio. E ci sono elementi forti della mentalità estetica delwabi-sabi, una filosofia che è in pace con la naturale progressione della vita, accettando la bellezza del cambiamento e dell'impermanente.

La leggenda narra che la tecnica tradizionale dell'artigianato kintsugi fu sviluppata intorno al 15 ° secolo come un modo per accontentare lo shogun Ashikaga Yoshimasa, dopo aver rotto la sua tazza da tè preferita. Yoshimasa ha spedito la ciotola fino in Cina, ma non è stato molto contento del risultato quando l'ha riavuta, cucita con punti metallici. Gli artigiani giapponesi hanno quindi cercato di trovare un metodo più estetico per riparare la tazza. Riempiendo le crepe con l'oro, lo trasformarono in un tesoro. Kintsugi si traduce letteralmente come riparazione con oro.

Potresti dire che l'arte del kintsugi si è evoluta parallelamente alla cultura della cerimonia del tè in Giappone. In quell'epoca tutti abbracciarono la cerimonia del tè e le persone al potere videro la cerimonia del tè come un'occasione per riunirsi e una piattaforma per parlare di politica. Non era insolito che i leader dell'epoca regalassero una speciale teiera come gesto d'onore, invece di regalare un castello o un po 'di terra. Una tazza da tè era altrettanto apprezzata, quindi naturalmente le persone volevano riparare il loro dono se si fosse rotto.



Nella tecnica tradizionale i pezzi rotti dell’oggetto in ceramica (solitamente vasellame) sono saldati con un sottile strato dilacca urushi, derivata dalla resina di un albero. Lo strato finale di lacca urushi viene poi ricoperto con oro in polvere o argento in polvere a granulometria molto fine, e in seguito brunito con una pietra d'agata.


Non disperate quindi, quando la sfortuna colpisce la vostra migliore ceramica, avete l'occasione per farla rinascere...


Occorrente:

- Oggetto di ceramica rotto

-Oro in polvere o argento in polvere (oppure pigmenti metallici imitazione)

-Colla epossidica bicomponente

88 visualizzazioni2 commenti

Post recenti

Mostra tutti

2 comentários


Silvia Calchi novati
Silvia Calchi novati
24 de jun. de 2020

Mi piace la filosofia del kintsugi ed è molto bello farlo, unisce sforzo e meditazione

Curtir

Gianna Stampalia
Gianna Stampalia
23 de jun. de 2020

Che meraviglia!eliminiamo il consumismo

Curtir
bottom of page