887069281984531
top of page

HAHA NO HI - grazie MAMMA!

La festa della mamma, 母の日 Haha no Hi, in Giappone si festeggia lo stesso giorno che in Italia, ovvero la seconda domenica del mese di maggio.

I giapponesi hanno iniziato a celebrare questa festa nel 1931, quando fu istituita dall’Associazione delle donne, il 6 marzo, il giorno del compleanno dell’imperatrice Koujun. Durante la seconda Guerra Mondiale venne abolita, insieme a tutte le altre usanze occidentali per essere reintrodotta nel 1949 con un concorso di disegno nel quale i bambini erano invitati a raffigurare la loro mamma. I disegni più belli vennero poi diffusi in tutto il Paese.

Anche il Giappone si è poi adeguato alle consuetudini americane e così si cominciò a celebrare la festa della mamma la seconda domenica di maggio. In questo giorno di festa i giapponesi usano regalare garofani rossi (simbolo di purezza e dolcezza) o altri pensierini per esprimere gratitudine alla propria mamma.

Quante cose fanno le mamme per noi figli. Un'amore incondizionato che spesso mettiamo in discussione quando non ci accontentano difronte ai nostri "capricci", anche quando siamo grandi...

Un giorno in cui fermarsi a riflettere su quanto la mamma sia per noi il primo grande Amore e su come ogni tanto è giusto ricordarlo anche a lei con un semplice regalo. In fondo... se lo merita!

Pur non essendo una ricorrenza nativa del Giappone, la festa della mamma è stata resa compatibile con gli usi e i costumi giapponesi: ogni anno tutti i negozi vengono decorati con rose e garofani rosa, fiori che sono diventati simbolo di questa giornata perché rappresentano la bellezza, la purezza, la dolcezza e la costanza delle madri che ogni giorno si prendono cura dei propri figli; alcuni dei regali più apprezzati dalle mamme sono delle cornici in cui inserire delle foto di famiglia, dei set di gioielli come i kanzashi e i kimono da mettere rigorosamente durante la giornata di festa.


Il giorno della mamma è anche associato alla figura dell’uovo; esso simboleggia la nascita, perché la mamma è colei che ci mette al mondo, ci nutre, ci protegge e ci ama sempre senza pretendere niente in cambio.

Per l’occasione vengono preparate delle pietanze a base di pollo, che simboleggia i genitori, e di uova, che simboleggiano i figli, come ad esempio lo Oyako Donburi (letteralmente “genitori e figli”), una ciotola di riso su cui vengono adagiati il pollo e le uova precedentemente cotti in una padella con delle cipolle, della salsa di soia e del mirin (sakè dolce da cucina).

Un altro piatto tipico giapponese è il Chawanmushi, un budino a base di latte, tofu e di uova mangiato soprattutto come antipasto e servito in una ciotola da tè. Agli ingredienti base si possono aggiungere funghi, gamberetti bolliti, kamaboko (una sorta di surimi) e viene aromatizzato con salsa di soia, dashi (brodo di pesce) e mirin.


Non mancano poi i dolci in stile occidentale che fanno tanto "kawai"! Quelli di cui al mattino devi aspettare diligentemente in fila all'esterno delle pasteccerie per assicurati che la "tua" torta sia fresca e intatta. Ti porti a casa quella senzazione che è unica ed è stata fatta proprio per la tua mamma, anche se in realtà sono tutte uguali.

Queste torte meravigliosamente colorate e decorate con sfumature rosa e rosso, primeggiano sulle tavole del giorno di festa e anche se forse sono più belle da vedere che da assaporare, fanno tanto Giappone. C'è sempre un piccolo garofano tanto carino da non capire quando è finto o quando è di zucchero e quindi commestibile...

Se invece volte stupirla potete imparare questa filastrocca struggente...


Se volete altre idee regalo non vi resta che sfogliare il nostro shop e augurare a tutte le vostre mamme: お母さん、いつもありがとう "okaasan itsumo arigatou".

A proposito: grazie Mamma...


41 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Σχόλια


bottom of page